sLow Season

domenica, 12 Gennaio, 2020 Permalink 0

L’appuntamento con il break dell’inverno è in laguna, a Venezia, per i suoi ritmi veri, la routine dei veneziani. I colori degli acquerelli di Turner.

Gallerie, musei, istituzioni, teatri sono aperti e attivi con mostre ed eventi interessanti.

Tra calli deserte, di un’elegante solitudine, silenzio, sole e freddo. Uno dei migliori vestiti della città che non tutti conoscono.

Eccovi almeno altri 3 buoni motivi, uno al mese, per venire e ritornare.

Alla Guggenheim fino al 27 gennaio avete l’opportunità di scoprire “L’Ultima Dogaressa”, tributo a Peggy, mecenate delle arti e icona della città. Il Museo omaggia i 70 anni trascorsi dal suo arrivo a Palazzo Venier dei Leoni e dalla sua prima mostra di scultura contemporanea. Oltre che i 40 anni dalla sua scomparsa. Fresco di stampa inoltre il tanto atteso libro che racconta per la prima volta l’intera carriera di Peggy Guggenheim, curata da Karole P.B. Vail.

Febbraio non è solo Carnevale. Punta della Dogana presenta due serate SETUP dedicate a musica, danza e performance. La suggestiva cornice architettonica farà da sfondo ad artisti provenienti da tutto il mondo e ai loro gesti, suoni e immagini. Tra mood indie, avant-pop, elettronico, techno e afro, un modo molto riuscito di sfruttare gli spazi in trasformazione fra una mostra e l’altra. Venerdì 7 e sabato 8 febbraio, dalle 20 alle 02.

Per Marzo ci spostiamo sull’isola di San Giorgio a visitare la nuova esposizione de Le Stanze del Vetro. “Venice and American Studio Glass” racconta le influenze della tradizione del vetro veneziano sulla produzione dello studio americano dagli anni ‘60 ad oggi.  Una straordinaria selezione di 155 opere in vetro di artisti e designer d’oltreoceano, tra sculture, vasi e installazioni. A cura di Tina Oldknow e William Warmus.

I nostri hotel vi aspettano con uno sconto e una sorpresa!

Scoprite qui le nostre case e prenotate con il codice promo 4everfriends 

 

Comments are closed.