Voga alla veneta

giovedì, settembre 27, 2018 Permalink 0

Nel 2014 tre giovani veneziani hanno un’idea audace e geniale: restaurare barche tradizionali veneziane e utilizzarle per l’insegnamento della voga alla veneta e vela al terzo.

Il progetto Venice On Board prende la forma di un’associazione sportiva e culturale grazie all’iniziativa e al sogno di Emiliano Simon, Nicola Ebner e Damiano Tonolotto.

Sani e vigorosi, in 3 non fanno 90 anni e questo di per sé è già un elemento curioso, in una città che i giovani scrutano con diffidenza e talvolta approcciano di malavoglia, si dice…

Stabiliscono la loro sede a Sant’Alvise, un luogo remoto della città, ai confini, vicino all’unico scivolo per barche rimasto pubblico.

Accompagnano viaggiatori in laguna su barche tradizionali, per salvare le tradizioni che più amano della loro città. Progettano e costruiscono forcole, remi, timoni, bozzelli e caviglie.

Curano e danno vita a un patrimonio fatto di artigianalità e memoria, di antiche manualità e tempi fuori moda. Ripetono come un mantra che la tradizione deve essere in evoluzione, perché quando si ferma, si perde. Combattono contro l’oblio, resistono, condividono e tramandano.

All’inizio erano soprattutto i veneziani non autoctoni a volersi approcciare a questa pratica, forse perché chi qui ci è nato, là dà per scontata e ormai trascorsa. Oggi sempre più forestieri e viaggiatori di passaggio in città vogliono cimentarsi in questa esperienza, tra corsi, escursioni e lezioni di gruppo.

A differenza delle barche a motore che consentono di navigare in una porzione piccola della laguna, con le barche a fondo piatto si ha un intero mondo acquatico da esplorare.

E soprattutto un modo e un punto di osservazione speciale per scoprire la città, dal basso dei suoi canali verso l’alto, dai rii più nascosti, godendo di quei luccichii e riverberi che solo in questo luogo si possono apprezzare così.

Si può sperimentare tra diversi pacchetti disponibili:

  • Voga Via, la classica introduzione alla voga, della durata di 90 minuti, accompagnati da un esperto istruttore, per stare lontano dal turismo di massa e navigare la città in modo unico.
  • Voga Via Friends & Family, per condividere l’esperienza con più persone, una barca più grande o più barche, con più istruttori.
  • Voga Via By Night, la nostra preferita, vogando alla sera, in assenza di traffico e immersi in un’atmosfera magica e fuori dal tempo.
  • Vela tradizionale, per esplorare in lungo e in largo la laguna, come non l’hai mai vissuta prima, solo col rumore del vento e dell’acqua.
  • Vela tradizionale Friends & Family (only the brave!), l’esperienza più lunga e completa, alla scoperta delle isole lagunari più incontaminate, sia a vela che a remi.

E’ l’esperienza perfetta per voi se:

  • volete immedesimarvi in uno dei simboli più famosi di Venezia, il gondoliere, con quel tipo di remata che l’ha resa una figura celebre a tutte le latitudini
  • scoprire le tradizioni marinaresche veneziane e quei trucchetti che i vogatori locali custodiscono da sempre in modo geloso
  • vivere il turismo a Venezia in modo autentico, più consapevole e sensibile
  • concludere alla veneziana maniera una giornata esaltante, guardando un tramonto arancione con una fresca birretta in compagnia di persone simpatiche, aperte e generose.

Signori, provare per credere.

www.veniceonboard.it

F.B.

 

Comments are closed.